R.B.I. su Facebook R.B.I. su Google plus R.B.I. su Twitter    Scarila l'AppAscolta la diretta

SPETTACOLO

Per non dimenticare - Caso Aldo Moro 16 Marzo 1978
14 Marzo 2018 - Alle 9 del mattino di venerdì 16 marzo, saranno passati 40 anni esatti dal raid terrorista che rapì Aldo Moro cambiando radicalmente la storia politica d’Italia. Il Caso Moro, ovvero il sequestro e l’uccisione dopo 55 giorni di prigionia del presidente della Democrazia Cristiana operato nel 1978 dal gruppo terrorista delle Brigate Rosse, è da allora una ferita aperta nella politica della Penisola. L’operazione, spettacolare, avrebbero inchiodato l’opinione pubblica a seguirne gli sviluppi sino alla tragica conclusione con l’uccisione dell’ostaggio. Sembrò una vicenda che metteva a nudo la crisi finale della democrazia italiana, mentre in realtà ne avrebbe testimoniato vitalità e radicamenti che allora erano messi in dubbio non solo dai sedicenti rivoluzionari armati. Quel giorno di quarant'anni fa in via Fani a Roma un commando di brigatisti aprì il fuoco uccidendo i cinque componenti della scorta del presidente: il Maresciallo dei Carabinieri Oreste Leonardi, l’appuntato Domenico Ricci, il Brigadiere Francesco Zizzi, l’agente Raffaele Jozzino e l’agente Giuliano Rivera. In poco meno di una manciata di minuti di spari le Brigate Rosse presero il presidente Moro e si dileguarono facendo perdere le loro tracce. Il 9 maggio, al termine della prigionia, durante la quale i brigatisti condussero quello che definirono un “processo del popolo”, Aldo Moro fu ucciso e il suo cadavere abbandonato a bordo di una Renault 4 rossa ritrovata il giorno stesso in via Caetani, nel pieno centro di Roma. Quella del caso Moro è una vicenda fitta di misteri che ebbe conseguenze importanti su diversi piani ma soprattutto su quello politico. In particolare l’azione terrorista si inserì, di fatto ponendovi fine, all'interno del “compromesso storico”, una strategia politica di avvicinamento tra il Partito Comunista Italiano e la Democrazia Italiana, ovvero del PCI alle istituzioni dello stato. Aldo Moro fu presidente del Consiglio dei governi di centrosinistra e con la sua attività politica favorì l’avvicinamento del Pci che si astenne in Parlamento nel 1976 e ‘77, sostenendo di fatto il Governo Andreotti, e partecipò all'esperienza dei governi di solidarietà nazionale nel 1978 e nel ‘79. L’omicidio Moro contribuì fortemente al fallimento di questa stagione politica. MGL ...tra la gente e con la gente. —————————————— 1) Lo speciale su Rai tre: Venerdì 16 marzo alle 21 andrà in Onda : “Il Condannato – Cronaca di un sequestri”. A 40 anni dal rapimento di Aldo Moro, Ezio Mauro racconterà i cinquantacinque giorni di prigionia del politico con un’inchiesta senza studio, realizzata direttamente sui luoghi dove tutto avvenne. 2) Gli approfondimenti su Rainews: Due testimonianze di protagonisti diretti e indiretti del sequestro Moro e uno speciale 40 anni dopo. Martedì 13 marzo alle 21.30 il canale all news della Rai proporrà in un approfondimento condotto da Angela Caponnetto l’intervista di Ezio Mauro a Giovanni Moro, figlio del presidente della Dc sequestrato dalle Brigate Rosse il 16 marzo del ’78 e ucciso 55 giorni dopo. Mercoledì 14 marzo alle 21.30, sarà la volta dell’intervista, sempre di Ezio Mauro, alla ex brigatista Adriana Faranda, ‘postina’ delle Br durante i giorni del rapimento. Uno speciale condotto da Gianluca Semprini venerdì 16 marzo alle 9 di mattina – ora esatta in cui avvenne l’uccisione della scorta e il sequestro – farà il punto sul caso Moro 40 anni dopo. Venerdì spazio all’anniversario anche in Telegram, il programma condotto dal direttore Antonio Di Bella, in onda alle 18. 3) Lo speciale su La7: In onda martedì 13 marzo alle 21.20 “Atlantide. Il caso Aldo Moro”: prima parte del programma condotto da Andrea Purgatori dedicata al delitto Moro. La seconda parte andrà in onda mercoledì 14 marzo. 4) Lo speciale di La Repubblica: A quarant'anni dal caso Moro, un viaggio dalla carta alla rete alla tv